Sostieni Emergency

Chi Siamo Sommario Editoriale Poesia Cultura Elzeviro


Home Page


In primo piano


Visioni dal futuro - Il caso di Philip K. Dick
di Uilli
Fara Editore

l'opera

Chi era Philip Dick? Un uomo dalla psiche intaccata dall'uso smodato di anfetamine, oppure uno scrittore che non si limitava a fantasticare, riuscendo a leggere nel futuro? In questo libro Fabrizio Chiappetti analizza la vita di uno dei più famosi autori di fantascienza rileggendone in maniera critica alcuni articoli e tre romanzi: "le tre stimmate di Palmer Eldritch", "Ubick" e "cacciatore di androidi". Dick è stato un uomo dall'esistenza tormentata i cui scritti sono stati influenzati dagli avvenimenti che lo hanno segnato: la conversione al Cristianesimo, i due matrimoni andati in fumo, la lettura dell'I Ching, la visione di "2001: Odissea nello spazio" di Kubrick, la tossicodipendenza e la successiva disintossicazione... Dick, all'inizio della propria carriera, si è sentito ghettizzato nel suo ruolo di scrittore di fantascienza, desiderando ardentemente di imporsi nei circoli letterari con qualcosa di più "serio". Di qui anche la sua crisi d'ispirazione e la sua convinzione di non avere talento e di essere mal pagato. Veniamo così a scoprire che Dick non è solo un romanziere, ma anche un filosofo (come lui stesso si autodefiniva). Nelle sue opere c'è la sua visione della vita, la sua convinzione che "tutto, nel bene e nel male, sia ancora possibile" (spesso i suoi romanzi non terminano con quello che può essere propriamente considerato un finale, lasciando la storia in sospeso), il suo concetto di "tempo ortogonale". Tale visione delirante viene esplicitata in Ubick: parallelamente al tempo come noi lo intendiamo (ossia quello scandito dagli orologi), anzi, intersecandosi continuamente ad esso, di dipanerebbe un tempo ortogonale il cui evolversi a spirale regolerebbe la crescita del cosmo, tendendo silenziosamente alla propria definitiva rigenerazione. Chi non ha cognizione di questo tempo (la maggior parte degli uomini) è condannato ad una condizione di semi-vita. Visioni Dal Futuro si propone non solo come un libro adatto a chi vuole approfondire la lettura dell'opera dickiana, ma anche a chi si avvicina per la prima volta a questo autore, non certo semplice, volendone capire in tutte le sfumature il pensiero.

Il testo

Fabrizio Chiappetti, Visioni dal futuro - il caso di Philip K. Dick, Fara Editore, pp. 126.

Per gentile concessione del web site http://www.ozoz.it

 


Tutti i diritti riservati © 2005 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia
Proposte di lettura
Recensioni
Concorsi letterari
Links
Box e-mail
Archivio


Centro di poesia contemporanea

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi