Sostieni Emergency

Chi Siamo Sommario Editoriale Poesia Cultura Elzeviro


Home Page


In primo piano


Le forme silenziose di Floriana Porta
a cura di Gaetano G. Perlongo




Profilo Biografico

Floriana Porta nasce a Torino nel 1975. Già da piccola manifesta il suo amore per il disegno e la creatività poetica. Si diploma al Liceo Artistico “R. Cottini” di Torino, con ottima votazione. Qui è stimata dal Prof. F. Bibollet (acquerellista torinese molto conosciuto) e dal Prof. A. Carena (proprio l'Antonio Carena che ha dipinto i suoi famosi cieli al Museo del Castello di Rivoli).
Frequenta poi per alcuni anni l'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, sezione Decorazione, col Prof. N. Aimone. Qui studia: pittura, scultura, fotografia, anatomia, storia dell'arte, ecc.
Frequenta uno stage presso la Form Design Center Srl di Torino, dove si istruisce in design e disegno tecnico. Successivamente si appassiona alla fotografia digitale con ottimi risultati (temi preferiti: natura, macro, paesaggi, astratti, arte digitale).
Espone i suoi acquerelli e le sue poesie nell'astigiano e nel torinese (spesso in collaborazione con le Pro-Loco ed i Comuni locali). Scrive moltissime poesie, dai temi più vari; il tema principale è l'esistenza e i sentimenti dell'uomo. Poeti preferiti: Hesse, Baudelaire, Tagore, ecc. Collabora, facendo volontariato, con l'Istituto S. Maria  Maddalena (fondato dalla Serva di Dio Giulia Colbert di Barolo) seguendo il loro archivio (libri antichi, lettere della Barolo a Silvio Pellico, a Cavour, ai Re e alle Regine dell'800 piemontese,ecc.).

  Quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.
                 Lao Tzu
___________________________

LUCI ED OMBRE DELL'ANIMA

S'annodano,
nella mia anima,
molli luci e variopinte ombre ...
mentre nel cielo screziato
si rincorrono celesti nuvole.

 

UNIVERSO

Scoppiò l'universo
nel pallido sorriso ...
lo sguardo si perse
nell'oceano di silenzi.
Io stessa ero l'oceano!

 

TUFFO

Stanca
e pallida
mi tuffo
in un mare
di fiori ...
non respiro più.

 

PERCHE' MI GUARDI

Acrobazie di figure
fantasmatiche
divampano aggressive
nella penombra umida
avvolgente ...
Anima
perché mi guardi?
Le tue parole
si mescolano alle mie
e plasmano cieche ragnatele.

 

MATTINO MULTICOLORE

Mattino
multicolore ...
i tuoi occhi
sono di perle ...
e mentre la nebbia svanisce
tutto è uno splendore!

 

CON  UN  RESPIRO

Aironi rossi
sorvolano fiumi in secca
colline verdi
barche dimenticate ...
Misuro l'ignoto
con un sospiro.

 

ADAGIO CADERE...

Quest'adagio cadere
di forme e linguaggi,
di simboli e trasparenze,
si lasciano trasportare
in una sofisticata danza.
L'impetuosa mano dell'uomo
ha accarezzato la caduta
dei miti antichi.
... E quest'adagio cadere
sfugge in terreni inesplorati.

 
___________________________

  Il futuro appartiene a coloro che credono alla bellezza dei propri sogni.
                  Eleanor Roosevelt

 


Tutti i diritti riservati © 2008 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia
Proposte di lettura
Recensioni
Concorsi letterari
Links
Box e-mail
Archivio


Centro di poesia contemporanea

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi