Sostieni Emergency

Chi Siamo Sommario Editoriale Poesia Cultura Elzeviro


Home Page


In primo piano


L'oceano e altri giorni di Tomaso Pieragnolo
a cura di Gaetano G. Perlongo
Edizioni del Leone



Presentiamo uno straordinario poeta, la cui lirica ricorda l'adagio di Percy Bysshe Shelley: "Una storia di fatti particolari è uno specchio che oscura e distorce ciò che potrebbe essere bello; la poesia è uno specchio che rende bello ciò che è distorto".


l'opera
- dall'editoriale di Paolo Ruffilli

Tomaso Pieragnolo raccoglie in questo libro l'esperienza umana oggettiva ed intima della sua decennale permanenza in Costa Rica, in un piccolo villaggio di pescatori dell'Oceano Pacifico, lontano dalle vie principali di comunicazione con il mondo "civile", immerso nella giungla vergine della penisola nicoyana.
I temi del viaggio, del movimento inteso come inevitabile cambiamento, della tensione interiore causata dallo scorrere di tempi paralleli e profondamente distanti, della riscoperta di una dimensione primigenia e onirica fortemente presente nel paese centroamericano, vengono trasfigurati nella percezione di un limite umano persistente e necessario, rinnovato dalla presenza immanente di una natura primitiva che diventa simbolo e mito nel ricordo e nell'assenza.
Così, nelle pagine de L'oceano e altri giorni, con la sua vena delicata eppure incisiva, l'autore incontra paesaggi senza nome né tempo, persone disperse che nessuno cerca, silenziosi animali selvatici che nella loro immutabile bellezza ripropongono il costante quesito sulla natura umana e sull'origine della vita e del mondo.

Elementi terrestri e temporali sono ricorrenti in L’oceano e altri giorni, legati sempre a una interiorizzazione che li depista rispetto a ogni naturalismo. C’è sempre uno scarto, psicologico o sentimentale, rispetto alla scena naturale in sé. E la lingua poggia su di un impianto intellettuale di grande forza e maturità espressiva ed umana.

Il sogno della poesia di Pieragnolo è fatto di vita (intensa ed interiore), di sentimenti e di idee, di una aerea e libera vagassion della fantasia nell’esperienza e nel ricordo, alla luce di quella positività solare frutto di una tensione generatrice che si muove dentro la vocazione dell’autore e anima felicemente i suoi versi.

assaggio

I pomodori di Francisco

Le tartarughe di Juan

Nicaragua - Sul confine

Risveglio sull’oceano

Semina notturna

l'autore

Tomaso Pieragnolo è nato a Padova nel 1965. Studioso e traduttore di poeti latinoamericani, vive tra Italia e Costa Rica. Ha pubblicato le raccolte di versi “Il silenzio del cuore” (1985), “La lunga notte” (1987), “Lettere lungo la strada” (2002, Edizioni del Leone, selezione premi Alfonso Gatto e Camaiore, segnalazione premio Gozzano, secondo al premio internazionale Città di Marineo).

il testo

Tomaso Pieragnolo, L'oceano e altri giorni, pp. 75, Edizioni del Leone, 2005.

 


Tutti i diritti riservati © 2005 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia
Proposte di lettura
Recensioni
Concorsi letterari
Links
Box e-mail
Archivio


Centro di poesia contemporanea

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi