Sostieni Emergency

Chi Siamo Sommario Editoriale Poesia Cultura Elzeviro


Home Page


In primo piano


Angelo MUNDULA - Vita del gatto Romeo detto anche Meo
di Giovanni Nuscis




Esce per le edizioni Spirali la nuova raccolta poetica di Angelo Mundula Vita del gatto Romeo detto anche Meo.  Che Angelo Mundula, “poeta serio, solitario, appartato…”, come indica la quarta di copertina, non intendesse parlare soltanto del proprio gatto era fuor di dubbio per chi ne conosce, almeno in parte, l’opera e dunque l’uomo e la sua etica. E del resto, si sa: alla poesia non si addicono limitazioni tematiche, e quando poi si parla di gatti… scopriamo che un numero ragguardevole di poeti, narratori e uomini d’ingegno si sono cimentati sul tema, a cominciare da Torquato Tasso,  Leonardo Da Vinci, Charles Baudelaire, padre della poesia moderna. Per l’autore, nato e residente a Sassari, si tratta del decimo libro di poesie, dopo Il colore della verità  (1969),  Un volo di farfalla (1973), Dal tempo all’eterno (1979), Ma dicendo Fiorenza (1982), Picasso fortemente mi ama (1987), Il vuoto e il desiderio (1990), Per mare (1993), con Giorgio Bàrberi Squarotti e Giuliano Gramigna, La quarta triade (2000), e Americhe infinite (2001); a cui si aggiungono due libri di prosa: Tra letteratura e fede (1998) e L’altra Sardegna (2003); ha collaborato con i maggiori quotidiani e le più qualificate riviste nazionali e, da vent’anni, continua a collaborare con le pagine letterarie e culturali dell’Osservatore Romano. Poiché sappiamo che nulla è casuale nelle opere di Angelo Mundula, ecco, allora, che aprendo e leggendo questo bel libro dall’accurata veste grafica ritorniamo fanciulli, ci improvvisiamo lettori casuali e, non di meno, compulsatori prevenuti, allertati dalle sue precedenti opere. Da ogni prospettiva restando, però, a lettura ultimata, soddisfatti. Ma chi è il gatto Romeo protagonista di questa silloge? Romeo, detto anche Meo, “…era un comunissimo gatto soriano”, ci spiega ancora la quarta di copertina, infilatosi poco a poco nella vita del poeta e che “…di poesia in poesia, di verso in verso, è andato acquistando una sua sempre più spiccata e originale “personalità”. E come per noi umani c’è  un prima e un dopo (di noi), un inizio e una fine, un incedere di giorni coi suoi eventi, i suoi laghi di luce e d’ombra - fino alla discesa ineluttabile e all’assenza - così del gatto Romeo conosciamo il suo predecessore Paquito, e il suo ingresso nell’intimità della casa, stravolgendo abitudini e weltanschauung: Siamo nati per l’eterno e per grandi imprese/ma basta un niente appena il fiato di un animale/a mutare per noi il senso dell’universo. E la vita di Romeo si fa metafora, paradigma, elemento di confronto: Solitario, serio, appartato/contrario a ogni presenzialismo/un gatto – devo pur dirlo – che/se non fosse un gatto sarebbe/quell’altro che ne fa il ritratto (“Ritratto”). Più che col padrone di casa – un qualunque padrone di casa - è dunque con l’artista che si scoprono nel tempo fili sottilissimi di affinità, di comunanza: Della grandiosa famiglia/ha ereditato le pose solenni/e il sublime distacco (“Sua maestà il gatto”),   Di sé non può (forse, non vuole) promettere niente/né fedeltà né gratitudine sebbene/talvolta ne dia qualche segno./Nell’apparente serenità della mente/c’è sempre l’idea della fuga (dal tutto? dal niente/che gli sta intorno? che lui solo vede o non vede?) (Il poeta Romeo), Scappa, gatto, da queste aride contrade/da queste zolle acide./Lascia ciò che dev’essere lasciato./I tuoi occhi acuti, gatto,/non vedono le fiamme/che si levano da ogni parte?/I tuoi occhi che bucano/la tenebra non vedono/quanto male imperversa su/quest’arida terra sempre più/inabitabile? sempre più inospitale? (La brughiera). Versi lunghi, liberi, narrativi strutturano le poesie di questa raccolta: di una limpida semplicità che, proprio per questo, nasconde profondità inaspettate nella fine tramatura. E sarà perciò rimesso allo sguardo, alla consapevolezza delle diverse età restare nella luminosa superficie o lasciarsi invece andare sul fondo, dove pochi sanno arrivare. Sicché leggendo, bambini, questa “storia”, se ne ritroverà da adulti un’altra ancora: sempre la propria, nell’eterna, immutabile sua essenza.


Il testo

Angelo Mundula, Vita del gatto Romeo detto anche Meo, pp. 80, Spirali, 2005 (Illustrato con dieci tavole di Saverio Ungheri (A-mici 2004-2005); e corredato dalle opere di Konstantin Antipov, Alfonso Frasnedi, Enzo Nasso, Mimmo Rotella, Valentin Tereshenko).


 


Tutti i diritti riservati © 2005 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia
Proposte di lettura
Recensioni
Concorsi letterari
Links
Box e-mail
Archivio


Centro di poesia contemporanea

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi