Sostieni Emergency

Chi Siamo Sommario Editoriale Poesia Cultura Elzeviro


Home Page


In primo piano


Johnny99: "Angeli a perdere"
di
NoReply



“Angeli a perdere” è il quarto cd libro, che fa parte di quell’originale progetto che mira a far duettare la letteratura con la musica. Dopo “Il Tuffatore” - che ha riportato sotto i riflettori il troppo a lungo dimenticato talento di Flavio Giurato, “Contagi#1” – saggio che percorre i sentieri che s’incrociano tra narrativa e musica, - “Videre Leviter” - breve storia in versi della televisione italiana, che ha per protagonisti il talento di Luca Ragagnin e quello di alcuni musicisti che si sono ispirati ai versi dello scrittore torinese, la “No Reply” pubblica ora “Angeli a perdere”. (In vendita dal 22 novembre nei principali megastore).

Nato dall’incontro tra le note dei Sulutumana (gruppo rock-folk vincitore della Targa Imaie al Festival Tenco 2001, ben noto ai lettori di Bielle) e la penna versatile di un giovane autore, Johnny99 (il ventisettenne Giovanni Cocco, giornalista pubblicista al suo primo romanzo), il cd libro è una piacevole tela in cui i colori forti dei racconti dell’autore, si fondono alle tinte pastello delle canzoni della band e danno vita a ricordi, luoghi, personaggi, immagini.

Così si sviluppa il ritratto della “provincia”, (quella brianzola, terra d’appartenenza di Johnny99 e dei Sulutumana) vista attraverso lo sguardo attento e critico delle nuove generazioni. Dipinta, vissuta con le speranze di una giovinezza a cui non piace arrendersi alle nuove regole dettate da un illogico perbenismo.

 

Le vicende narrate da Johnny99 si mescolano piacevolmente alle note ed ai testi contenuti nelle canzoni completandosi abilmente a vicenda e dai racconti emergono stili di vita, difetti, pregi comuni agli italiani, forse accentuati dall’attenta analisi dello scrittore che riesce ad incorniciare le incoerenze, le contraddizioni di una mentalità che pensa solo al conto in banca e tende a mantenere le distanze dai veri valori, o comunque a concepirli con una prospettiva deformata.

Ottimo quel filo virtuale che lega i racconti uno all’altro e che segue la scia delle melodie contenute nel cd abbinato al romanzo; splendidi i brani dei Sulutumana tra cui spiccano le suggestioni di “Carlina Rinascente” e l’incredibile grazia e delicatezza contenute in “L’ultima onda”. Le radici comuni dei Sulutumana e di Johnny99 stabiliscono un feeling molto forte tra musica, testi delle canzoni e racconti, difficilmente raggiungibile se la terra d’appartenenza degli artisti non fosse stata la stessa.

In fondo, tra le pagine di questo libro, nascosto tra le frasi di questi racconti luminosi, vi è un pezzo di vita che in qualche modo ci rappresenta: sogni, speranze, aspettative, desideri e perché no, qualche frammento di pazzia comune in tutti noi. Johnny 99 comunica un unico pensiero sociale rincorrendo il tempo con la velocità istrionica del suo stile particolare, incisivo, lucido, fatto di sottile ironia quando tratta la materia vita ma inaspettatamente tenero quando affronta il tema dell’amore.

La vita vista attraverso l’occhio di una nuova generazione che si oppone al paesaggio piatto, senza stimoli e troppo conformista della “provincia”; personaggi autentici dai destini prevedibili che si intrecciano tra passato, presente e futuro. Sono davvero “Angeli a perdere” delineati anche dalla suggestiva copertina del libro, tratta da una foto di Carlo Dulla.

Un libro applaudito da Andrea G. Pinketts, che definisce Johnny99 un “capitano coraggioso” di se stesso, capace di affrontare una ciurma di racconti che gli si ammutina contro senza esserne sopraffatto perché capace di ascoltarne le richieste, le urgenze, il disagio. Un cd libro per ritrovarsi o per “ritrovarcisi”

Tante storie ed un unico messaggio: siamo tutti “Angeli a perdere” in bilico tra lo spiraglio di un’esistenza migliore e la fredda concretezza di una società che non sa comprenderci. Tutti figli del futuro, fratelli del telefonino e delle nuove tecnologie, parenti stretti di un potere che ci vuole stupidi, ma in fondo figli di niente, quel niente a cui vogliamo sfuggire per non essere così facilmente adottabili dalle brutture del nostro vivere quotidiano.


Il testo

Johnny 99, Angeli a perdere, NoReply, pp. 388, Libro +cd, 2004.

Per gentile concessione del web site http://www.bielle.org

 


Tutti i diritti riservati © 2005 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia
Proposte di lettura
Recensioni
Concorsi letterari
Links
Box e-mail
Archivio


Centro di poesia contemporanea

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi