Sostieni Emergency

Chi Siamo Sommario Editoriale Poesia Cultura Elzeviro


Home Page


In primo piano


Giuseppe Cederna: Il Grande Viaggio
a cura di Gaetano G. Perlongo




Esordio narrativo sfavillante per Giuseppe Cederna. Per scrivere “Il grande viaggio”, edito da Feltrinelli, Cederna ha impiegato due anni, rinunciando al cinema e al teatro. Lo ha scritto un po’ a Sarzana, dove vive, un po’ in Marocco e a Ponte in Valtellina, dov’è la casa di famiglia, ed è tornato due volte a Delhi per documentarsi. Alla base c’è un viaggio vero, fatto in treno, a piedi, in jeep nel novembre 1999, alle sorgenti del Gange nella regione indiana del Garhwal. Ne è uscito una sorta di trek iniziatico, scandito da paesaggi emozionanti e incontri rivelatori sotto i cieli immensi himalayani. E’ un libro molto personale, pieno di colori, odori, suoni. E’ anche un diario spirituale idealmente dedicato a tre persone che non ci sono più, ma sono presenti nel libro: il padre Antonio, l’amica Paola Biocca, operatrice umanitaria morta in un incidente aereo in Kosovo, e il maestro d’adolescenza Marco Lombardo Radice.


Giuseppe Cederna, nato a Roma nel 1957, è attore di teatro e di cinema. Tra i film ricordiamo “Marrakech Express” del 1989 e “Mediterraneo” del 1991, Premio Oscar per il miglior film straniero del 1991, entrambi diretti da Gabriele Salvatores. Altri registi con cui ha lavorato: Luigi Comencini, Marco Bellocchio, Lina Wertmüller, Mario Monicelli, Silvio Soldini, Neri Parenti, Carlo Lizzani, Ettore Scola, Bruno Bozzetto, Fratelli Taviani, Gabriele Lavia.

 


 


Tutti i diritti riservati © 2005 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia
Proposte di lettura
Recensioni
Concorsi letterari
Links
Box e-mail
Archivio


Centro di poesia contemporanea

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi