Sostieni Emergency

Chi Siamo Sommario Editoriale Poesia Cultura Elzeviro


Home Page


In primo piano


I sentieri del caso
di David Peat
Di Renzo Editore


l'opera

Nelle pagine di questo libro è narrato un percorso nomade e affascinante, che va dai fondamenti della fisica quantistica allo studio dei sistemi complessi, passando per l’arte, la filosofia, la psicoanalisi, l’impegno sui problemi etici: un cammino apparentemente tortuoso e casuale, una fedeltà all’essenza, il bisogno di guardare alla scienza non come collezione di oggetti, ma come esperienza interiore. David Peat, fisico teorico, allievo di David Bohm, ha svolto la sua attività di ricerca in Inghilterra e in Canada, dove ha lavorato al National Research Council. Si è occupato della teoria dei quanti e della teoria del caos, ma anche di Jung, di sincronicità, e di aspetti di cultura generale, tra cui gli Indiani d’America. Dal 1996 vive a Pari in Toscana, dove ha creato il Pari Center for New Learning.


La ricerca è approdata tra le colline senesi
di Alessandro Sanfori

Come può un inglese nato a Liverpool nel 1938 trovarsi a parlare con i nativi d’America in un tepee dei Blackfoot tra gli splendidi paesaggi canadesi, o vivere un’esperienza affascinante in un villaggio medievale italiano? Tutto questo è successo a David Peat, ricercatore del National Research Council, che ha svolto la sua attività di ricerca in Inghilterra e in Canada, allievo di David Bohm, che negli ultimi anni ha votato la sua esistenza alla conoscenza delle idee astratte, finito ad esplorare l’idea di onestà e a parlare di etica. Peat che da alcuni anni vive a Pari in Toscana, ha appena finito di scrivere “I sentieri del caso” dove racconta un affascinante viaggio personale, che va dallo studio della fisica quantistica, a quello dei fenomeni complessi, passando per l’arte, la filosofia, un incontro affascinante con Carl Gustav Jung attraverso i microfoni dell’emittente radiofonica inglese Bbc e l’impegno sui problemi etici, come l’intervento sensibile e il futuro del pianeta. La curiosità di Peat per il mondo e le sue mille sfaccettature ha fatto in modo che tra Grosseto e Siena, nel suggestivo borgo di Pari, il ricercatore inglese realizzasse uno dei centri culturali più interessanti del nostro paese, il “Center for New Learning”, dove artisti e scienziati, indiani d’America e ricercatori universitari possono incontrarsi e confrontarsi sui più svariati temi della vita, della scienza e della religione. Peat ama definirsi uno straniero in patria: non italiano, non toscano ma cittadino del mondo. Ancora una volta la campagna toscana ha colpito nel segno. Negli ultimi anni i dintorni di Siena sono stati ribattezzati “Chiantishire”, accogliendo tra le dolcissime colline centinaia di inglesi che, come Peat, hanno trovato la giusta pace e probabilmente “l’energia” necessaria per dare vita a numerosi progetti. Il libro è il racconto fedele di questo percorso, solo apparentemente tortuoso e casuale, che ha condotto lo scienziato inglese a guardare alla scienza non come collezione di oggetti, ma come esperienza interiore.

da Almanacco della Scienza, 9 giugno 2004.

nota testo

David Peat, I sentieri del caso, Di Renzo Editore, pp. 144, 2004.

 


Tutti i diritti riservati © 2004 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia
Proposte di lettura
Recensioni
Concorsi letterari
Links
Box e-mail
Archivio


Centro di poesia contemporanea

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi