Sostieni Emergency

 

 

 

 

di Rosanna Gulino

 

Sei e non sei

        

Sei e non sei;

ti ho creato

con la mia fantasia,

nella realtà

e fuori della realtà;

con negli occhi

la luminosità dei cieli;

con il sorriso

di un giardino fiorito;

con voce chiara,

flessuosa

come l’onda del mare,

piana, suadente

come arcana melodia,

roboante

come un tuono

che s’infrange sulle vette;

con un cuore ardente,

colmo di passioni

impetuose, travolgenti.

Spesso mi sfuggi,

ma, quando la tua anima

è in pena,

simile alla mia,

ritorni vicino a me

con la tua realtà

senza materia

e mi racconti

le tue esperienze

deludenti

che sono le mie

e accendi il mio essere

con i tuoi occhi

illuminati dal pensiero

che si spande

sulle cose.

Il canto della primavera

        

Il canto della primavera

nasce da ogni gemma

che si schiude,

da ogni nuvola bianca

che si sfilaccia nell’azzurro.

Si aprono ad ombrelli

le mimose,

come macchie dorate

sui pendii

ed i mandorli, che per prima

inghirlandano

le valli, rispondono

alle bianche spume,

che s’infrangono,

quasi per trastullo,

contro le scogliere.

Così l’eco segreta,

che dà un segno

anche al mio cuore,

modula suoni di speranza,

simili al fruscio

che hanno le erbe

per la carezza

della luce dell’alba.

 

 


Tutti i diritti riservati © 2002 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia

Proposte di lettura

Recensioni

Concorsi letterari

Links

Box e-mail

Archivio


Centro di poesia contemporanea

 

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi