Sostieni Emergency

 

 

 

 

di Aristotele Cuffaro

 

La tinta storia

 

Lu quaranta funi ‘mpàmi

a tutti quanti l’italiani

e li ebrei siciliani

ranni, nichi e può viecchi

cu lu palpitu a lu cori

ca chiancivanu scantati,

si sapiva ca li campi

fuoru troppu dulurusi!
Li carusi sunnu ‘ngenui
nun capiscinu ddu juocu
ca li porta a murìri,
ma li ranni su coscienti
e puttroppu rassegnati
e nun puonnu fari antru
ca lassàri tutti cosi.
E’ la forza di lu mali
ca nun taliava lu duluri,
ma spamannusi di chissu
s’ingrandiva troppu assàni:
oh anziani, siti ‘nutuli
pi lu scopu di li capi,
accussì siti abbrusciati
dopu essiri arristati,
timpuliati e massacrati
pi lu piaciri d’ addivèrtiri.
Sunnu l’anni ca passàru,
ma li cosi nun canciàru
lu ricuordu è sempri chiddu
pi li figli furtunati
ca scamparu a l’anghirii:
nun si puonnu cchiù scurdari
li pazzìi di li tedeschi!
Ma purtroppu è la storia
unni è scritta stà faccenna
tinta veru ‘ndiavulata
pi ddi jorna ca vidìva.


La poesia è lu specchiu sociali

 

La poesia è strumentu

‘Un è sulu sentimientu. Èni n’arma ca unu avi
pi riflettiri li casi,
denunciari tinturìi
ca si hannu ‘n societàni:
nun si può sulu parlàri
di li cosi positivi,
anzi lu discursu èni
chIddu ca ‘un s’av’ a diri.
A li voti ‘un’ apprezzata,
la poesia negativa
veni subitu abbbruçiata
senza essiri riletta.
Ma puttroppu è la vita,
èni idda ca cumanna!
E perciò ‘un s’anna affenniri
si li cosi sù cuntàti;
si sù belli o sunnu tinti
li poeti ‘un sannu nenti.
Picchì sunnu chiddi fatti
ca si piglianu pi spuntu
pi cuntàri li vicendi
ca ti formanu poesii.

 

Mafalda

 

Mamma mia com’è cunzàta
ddà Mafalda maliditta!!
E camìna giovanili
comu fussi nà picciotta!
Avi cchiù di sissantànni
ed è ancora signurìna.
Pi mustràrisi eleànti
a picciuòtti di famiglia
và vistùta di duchessa,
ma un culùri nun ci appìzza!
Nun capisci ch’ èni ranni
e àv’ a canciàri vestimènti!
Idda è propriu ad accussìni
nun ci puònnu fari nenti,
cu l’intèntu a sistimàri
propriu li sò posizioni
và circànnu giovinotti
ca di grana sunnu chini:
Oh Mafalda, oh Mafalda,
ma vatinni a banna d’intra!!
Continuànnu ad accussì
nni la facci li tò rughi
stannu sempri ad affacciàri
senz’ avìri ancora allàtu
lu picciuòttu c’ha circàtu.

Lu splendori giurgintanu

 

Quantu siti bedda,Valli di li Templi!
Sì l’orgogliu di tuttu ddu paisi
unni mancu la natura fa fiùra,
unni mancu lu pinsièri si rattrista.
Siti ranni, siti splendida la sira
speci quannu nni ddi jorna
unni nun c’è troppa calma
e lu vientu s’arrimìna
ti fa fari cchiù fiùra.
Sì nni l’arma di lu cori
di li tò compaesani,
sì nni l’uocchi di Girgenti
ca talìa l’antri nazioni
e gluriusa puòni diri ca l’abbagli di splendori:

Quantu siti bedda, Valli di li Templi! Li colonni sunnu eretti
e lu tiettu, lu centrali,
c’arricorda chiddi tiempi
di l’origini paisani.
A l’estati può si supera
la biddizza ca è innata:
la natura l’accumpagna
di culura e d’armonia.
Siti troppu canusciuta
nni lu munnu e nni la vita;
pi vinirivi a truvàri
su turisti giappunisi,
americani e finlandisi
ca si partinu ‘mpazienti
p’arristàrisi accecati
di la luci ca mannàti:
Quantu siti bedda,Valli di li Templi!

L'emigrati di li tiempi

 

M’assitàu nni lu zì Peppi
e parlannu di li fatti
mi cuntà di l’emigrati
ca partivanu spaisàti.
Lu dulùri è troppu ranni
pi na matri ca ti crisci
ma nun puòni fari nenti
pi nun lassàrisi scappari
lu filgliuolu ca criscìni.
sunnu tanti sacrifici
ca facivanu a ddi tiempi
pi truvàri lu travagghiu
al di là di lu cunfìni.
su trattàti malamenti
comu sù li clandestini,
p’arristàri e nun partìri
fannu li mistièri luòrdi.
Cu l’intentu a lu migghiùri,
pi mannàri a li mugghièri
qualchi sordu pi manciàri,
s’accuntentanu di chistu
arristànnusinni muti.
Pi fortuna a ddi tiempi
lu migghiùri arrivava
e nun faciennulu scappari
travagghiàvanu precisi.
Sì, li grana s’accucchiàru,
ma l’affetti si pirdièru;
e turnannu a lu paisi
arristàsti forestièru,
anzi propriu unu stranièru
pi li figghi ca criscièru.

Li Ceti

 

Unu pensa e rifletti
pi li cosi ca vidi nni li stradi
taliannu taliannu si n’adduna
ca li genti sunnu diversi
anchi nni lu stessu modu di parlari,
accussì iu puozzu diri
ca c’è chiddu ca s’arricchì
pi lu sulu nomi ca porta
e senza sapiri picchì,
e sunnu chiddi ca senza faticari
hannu sempri li sacchetti chini,
si sientinu ‘ mpurtanti
e taliannuti meravigliati dicinu:
“Ma comu su cunzati!”
Nenti sapiennu ca di ddu latu c’è la fami!
O Diu, nun tutti la vidinu cu l’uocchi,
ma ci sunnu tanti ca la toccanu cu li mani,
però nuddu si n’adduna o si ni voli addunari.
Ni sintiemu tutti ranni
pi taliari a certi ceti
ca può su chiddi comuni,
ma anchi tantu emarginati.
Ma picchì nun n’addumannamu,
sempri ricchi semu stati?
O c’è qualchi ma parenti
c’avi pinsera nni la menti…
e scavannu nfunnu nfunnu
la risposta sula veni
ed è chidda ca nni stu munnu
nun c’è ceti, ma persuni:
ricchi o muorti di fami
tutti uguali siemu
davanti l’uocchi di lu Signuri.
E si c’è(ni) la persuna
ca si senti china d’arii
nun v’ata sentiri inferiori,
ma l’ata affrontari
cu tuttu lu curaggiu c’aviti nni lu cori.
Perciò li veri ricchi
sunnu propriu li comuni
speci chiddi ca nun vannu nni li scoli,
no picchì nun ci vuonnu iri,
ma picchì ‘mpossibilitati,
picchì chisti nni l’ignuranza
agiscinu sempri faciennu cosi giusti.

La 'mpurtanza

 

Comu è ca si po’ fari
Pi cuntàri ‘n societàni?
S’ava essiri ‘mportanti
E pussèdiri ricchizzi
Pi truvàrisi a la chiazza
E taliàri cu arrùanza.
Tutti sti cumpurtamenti
Fannu li genti signori,
E scurdannu lu passatu
Di l’origini di poveru
Si ni vannu cu pellicci
E capiddi ossigginàti.
Chista è tutta la ‘mpurtanza
Ca si cerca cu ‘mpazienza!
Nni lu juornu ca ci arriva
Lu cristianu ca ci aspìra
Si và a scorda di l’amici
Ca lu suppurtaru anni:
Certu ora nun ci appartèni
A lu rangu superiori!
E nun sunnu salutati
Quantu sunnu sulu visti!!!
Com’è bella la ‘mpurtanza
Eni tutta n’apparenza,
Nun c’è nenti di murali
Miezzu a sti categorii.

 

La festività pasquali

 

Nni lu nuosciu di paisi,
Quannu siemu ad aprili
Sunnu tutti appassiunati
E si vidinu li rieciti.
Di lu lunnidi a lu venniri
Li cristiani accumpagnati
Di lamienti e di bannisti
Si ni vannu pi taliari
E pigliarisi li primi puosti.
Iddu cadi , può si susi
La matina di lu venniri
E li genti cumpiaciuti
Si cummentanu li fatti.
A la sira chiddi tinti
Bastimianu ‘ncuscienti,
E di ‘ncapu lu Cravaniu,
Cuntinuannu a gridari
Nun ci pensanu dù voti
A scacciari ddu Signuri; E li genti tutti tristi
Nun cummentanu li fatti,
Limitannusi a taliari
Arristaru tutti muti.
A la sira di stu iuornu
Sutta l’urna si nni vannu
Ed è un pisu ca si porta
Cu pinsera nni la testa
Ca può veni la risuscita.
C’è la chiesa cchiù ‘mportanti
La duminica ‘matina
E può tutti ‘mpupacchiati
Ca la inchinu d’ ilianza:
Com’è bella sta iurnata
Quannu Iddu si va ‘ncontra
Cu la Matri ca chianciva!
Botti,grida e può applausi!
Nni la iurnata ca finiva;
E tra ridiri e passiati
Lu Signori nni taliava,
E cuntentu arristava
Di lu fistinu ca vidiva.

Il tragitto dell'amore

 

Come dirle del mio bene
Infinito d’affezione
Racchiuso fortemente dall’AMORE.
L’amore che apre le fessure
Va a colpire il tuo cuore
Proiettando l’affezione
Con un raggio incandescente
Che illumina le anime
Riempiendole di sole.
Se dal cuore tale luce
Si riflette raggiante
Proiettandosi insistente
Va a colpire la mia mente
Che si illumina splendente
Convincendomi d’amare.

 

Desiderio

 

Quando apro gli occhi
E con la mente scruto
Vedo l’azzurro
Perfettamente sfiorato:
Candidamente si posa
Pudicamente scopre
La gioventù regnante
Dalla bellezza sublime.
Come una brezza accarezza
La pelle indorata
Dal sole coperta
Una mano che scorre
Lungo tutto il piacere.
Sono incantato
Rimasto stupito
Dal seno celato
D’azzurro spiccato.
In terra sdraiata
Si specchia nel cielo
Che rinvigorito
Specchiando riflette
Un raggio magnete
Diritto al mio cuore.
Un’alba nuova
Piena di piaceri
S’abbatte e travolge
I miei desideri.
Non voglio però
Reprimere ancora
Le notti d’amore
Soltanto pensate:
Come palparla?
Come toccarla?
Vorrei che dal cuore
La mia illusione
Trasformi l’incerto
In vero coraggio.
Ecco, ci sono!
Mi alzo e avvicino
Non solo il pensiero
Ma tutto me stesso:
Distendo la mano
E salto quel muro
Che da tanto tempo
Mi ferma impacciato.
Adesso però
Un senso di vuoto
Circonda la mano,
Io voglio palpare
Io voglio toccare
Inutile, invano
Non sento un bel niente!
È solo illusione
E voglia di avere
Un volto svelato
Da me immaginato.
E tanto l’inseguo
E tanto lo voglio
Da farmi soffrire
Beffandomi sempre
Nel non apparire.

 


Tutti i diritti riservati © 2002 Il Convivio - Partner tecnologico Pertronicware

Rubriche

E-book della poesia

Proposte di lettura

Recensioni

Concorsi letterari

Links

Box e-mail

Archivio


Centro di poesia contemporanea

 

Risoluzione consigliata: 800 x 600 pixel - Browser: Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivi