Gaetano G. Perlongo, visionario intellettuale e geniale poeta

di

 

Presentare Gaetano G. Perlongo al pubblico è un autentico problema. Che qualifica assegnargli, come inquadrarlo? Definirlo un eclettico di spiccata eleganza intellettuale non basta a rendergli giustizia. Chi è Gaetano G. Perlongo, infatti? E' il saggista e poeta che riesce mirabilmente a riversare in letteratura le idee scientifiche e filosofiche alla base dei suoi studi, l'autore de "La licantropia del poeta" e de "Il calabrone ha smesso di volare"? E' viceversa lo studioso, l'ideatore della monoposto ad effetto ionico, il teorico delle dune gravitazionali, il cofondatore della Pertronicware, che si diletta a scrivere versi e saggi per puro godimento mentale? In realtà egli è entrambe le cose, ed anche più di questo. Gaetano G. Perlongo è l'archetipo dello scienziato-poeta... ...come scrivono magistralmente, nell'occasione della presentazione alla silloge de "La licantropia del poeta", Angelo Manitta, poeta e scrittore, nonché fondatore dell'Accademia Internazionale "Il Convivio", e il poeta brasiliano Andityas Soares de Moura:

 

  • Angelo Manitta, Gaetano G. Perlongo e la razionalità della sua poesia;
  • Andityas Soares de Moura, traduzione di Angelo Manitta, La poetica di Gaetano Perlongo e la malinconia: “tra l'orgasmo e la metempsicosi”.

[...] Gaetano G. Perlongo, attraverso un complesso studio delle sue opere, è un geniale poeta, come testimonia l'ultima poesia della silloge "Il calabrone ha smesso di volare":

 

L'assioma del calabrone

 

           Io

     filosofo di strada

    amico dei barboni

           poeta

               forse saggio

 

Stremato da fatica e lotta

        mi chiedo

se esistono ancora le idee di rivolta

 

Rivolta

per una società che trasmette

piuttosto che comunicare

 

Tumulto

per la massificazione di destra

e l'imperialismo globalizzante

 

Protesta

per il popolo berlusconiano

che inala regime e l'oppio del Grande fratello

 

Ammutinamento

per la società della rottamazione

e per l'antropologia dell'automazione

 

Rabbia

per l'economia dell'usura

e per il paese che ingravida la censura

 

Ribellione

per la sinistra passionale

e priva progettualità...

 

       e pure scorgo un mondo

nelle sue leggi di natura

        in relazionale armonia

 

la cui sua timidezza

è la caotica complessità...

 

                      Non so più volare…

 

ma capisco perché

la rosa non è selvaggia nel vento

 

Il vento è messaggero della sua dignità!

 

Capisco anche perché

il seno ricolmo di una madre

       non ha vergogna

 

Esso dà creatività

        alla sua creatura

 

***

 

Webografia

  • Gaetano G. Perlongo Web Site
  • Giornale Telematico "Il Convivio"